progetto
1963 - 1966
realizzazione
1963 - 1966
costruttore
Cogesta
caratteristiche costruttive

Serramenti: in legno (alloggi); in alluminio (negozio al piano terrai)

Facciata: intonaco a fresco color ruggine

Struttura portante: Travi e pilastri in cemento armato

Copertura: piana, a giardino pensile; in rame

descrizione
leggi tutto chiudi

L'edificio di via Conservatorio è un'occasione particolare nella carriera di Magistretti, che si trova a costruire un complesso per alloggi immediatamente adiacente a un condominio realizzato dal padre Pier Giulio nel corso degli anni Venti, all'angolo con via Bellini.

Situato dunque in un'area di pregio, pesantemente bombardata durante la seconda guerra mondiale, l'intervento è caratterizzato da un impianto a L che tuttavia nega la morfologia dell'isolato a blocco cui si rifanno le preesistenze. Il prospetto su strada è infatti ridotto a una brevissima facciata - che ha il compito di raccordare tra loro le quote sfalsate degli affacci degli stabili confinanti - mentre il volume principale si spinge in fondo a un piccolo giardino, su cui si proiettano balconi e terrazze che animano il fabbricato, rastremandolo verso l'alto. 

Il confronto diretto con l'architettura paterna avviene principalmente nel cortile posteriore, in cui il nuovo si salda all'antico mediante un piano terra completamente vetrato che illumina gli uffici previsti dal progetto. 

La planimetria è invece dominata da un singolare corpo scala in cui una rampa circolare è iscritta dentro un volume triangolare, in una maniera che richiama alla mente certi progetti del maestro Louis Kahn.

Anche per l'edificio di via Conservatorio, Magistretti opta per una finitura di facciata che nel colore rosso-bruno richiama la tradizione del cotto milanese confermando al contempo la volontà di ambientare l'edificio al suo contesto (secondo l'ormai nota lezione di Rogers) e le scelte fatte per le case in via Santa Marta e in piazza San Marco.

categorie

architettura per la residenza, il terziario e i servizi

bibliografia

V. Magistretti, L'architetto Magistretti: un protagonista di fronte al rame, in Il Rame, giugno 1967

Magistretti, in Controspazio 2-3, luglio 1969

G. Chigiotti, La regola e l'eccezione, in Area 11, settembre 1992

M. Boriani, C. Morandi, A. Rossari, Milano contemporanea, Torino 1986, p. 183

M. Grandi, A. Pracchi, Milano. Guida all'architettura moderna, Bologna 1980, p. 335, scheda 457

F. Irace, V. Pasca, Vico Magistretti architetto e designer, Milano 1999, p. 73 

M. Biagi, Vico Magistretti. Architetture milanesi, Milano, 2010, pp. 20-21

scheda a cura di Maria Manuela Leoni
stessi anni